Metropolitan City of Naples

Città Metropolitana di Napoli

PICTO_IT
From October 2021 to September 2023, the Biocircularcities project will unlock the circular economy potential of unexploited bio-based waste streams by exploring the development of economically and environmentally efficient models for organic waste in three pilot areas. The Metropolitan City of Naples is one of them!

Da Ottobre 2021 a Settembre 2023, il progetto Biocircularcities approfondirà le potenzialità dell’economia circolare al fine di analizzare e sviluppare modelli per la gestione dei rifiuti organici che siano efficienti sia dal punto di vista economico che ambientale in tre aree pilota. La Città Metropolitana di Napoli è una di queste!

Population: 3.2 million
Area: 1,171 km2
Density: 5,093 inhabitant/km2
Separate collection rate: 48.38% (2020)
Value chain targeted: biowaste from agro-industrial chain

Popolazione: 3.2 milioni
Superificie: 1,171 km2
Densità: 5,093 abitanti/km2
Raccolta differenziata: 48.38% (2020)
Catena di valore selezionata: rifiuti organici agro-industriali

The situation: The Metropolitan City of Naples is an area where biowaste processing capacity is currently insufficient to treat the total amount generated. Municipal solid waste collection in the MCN is based on a combination of two different schemes: “door-todoor” and “dumpster collection”. In 2020 around 50% of urban waste was sorted separately. The main technology used to process the unsorted municipal solid waste is Mechanical Biological Treatment (MBT). Dry fractions obtained from local MBT plants are sent to the incineration facility located in the metropolitan area. Local waste-processing capacity for the organic fraction is limited to only one composting plant and two integrated anaerobic and aerobic treatment plants.

The goal: Improving the current waste management system of a region encompassing urban, agricultural and industrial areas with important biomass production activities and an important food supply chain.

Stato dell’arte: Nella Città Metropolitana di Napoli la capacità di trattamento dei rifiuti organici è attualmente insufficiente per trattare il totale dei rifiuti generati. La raccolta dei rifiuti urbani nell’area metropolitana è basata sulla combinazione di due schemi differenti: “porta a porta” e “cassonetti stradali”. Nel 2020 la raccolta differenziata ha interessato circa il 50% dei rifiuti urbani. La tecnologia principalmente adottata per il trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati è il Trattamento Meccanico Biologico (TMB). La frazione secca ottenuta dai trattamenti meccanici biologici locali è inviata ad un impianto di termovalorizzazione situato nell’area metropolitana. La capacità locale di trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata è limitata ad un solo un impianto di compostaggio e a due impianti integrati di digestione anaerobica ed aerobica.

Obiettivo: Migliorare l’attuale sistema di gestione dei rifiuti di un’area che include realtà urbane, agricole ed industriali, focalizzando l’attenzione sulla valorizzazione delle filiere agro-alimentari locali.

Resources

Biocircularcities in brief #1

A short overview of our activities between October 2021 and May 2022.

Biocircularcities in a nutshell – Leaflet

Biocircularcities Брошура / Biocircularcities tríptic / Biocircularcities folleto / Biocircularcities opuscolo

30 March 2022

Municipal and agro-industrial biowaste under discussion at Naples’ First Living Lab

Residui organici urbani e agroindustriali oggetto di discussione nel primo Living Lab di Napoli

The first Local Living Lab of Biocircularcities in the Città Metropolitana di Napoli (CMNA) was held…

15 December 2021

Naples, a region with important biomass production activities and a strong food supply chain

Napoli, una regione con importanti attività di produzione di biomasse e una forte filiera alimentare

The Biocircularcities project will help the Metropolitan City of Naples, one of the three pilot territories,…

25 March 2022 | Online

Naples Local Living Lab #1

This first and introductory meeting of the Local Living Labs introduced participants to the project and…